Shqiptarë të Italisë - Shqiptari i Italisë

Nxjerr një disk në shtator me Brilliant Classics e do të nisë regjistrimin e një tjetri në verë për Flipper Music. 
Për të parën herë, një pianiste shqiptare regjistron me shtëpi diskografike ndërkombëtare një përmbledhje kaq të gjerë të veprave pianistike të vendit të saj, duke bërë kështu të mundur shpërndarjen e njohjen e kësaj muzike në mbarë botën

Romë, 8 maj 2018 – Marsida Koni, pianiste e re shqiptare me famë tashmë ndërkombëtare në ambientet e muzikës, nuk harron rrënjët e saj. E dëshmon në mënyrën më të mirë të mundshme, duke ndihmuar të njihet në mbarë botën ajo që vetë Marsida njeh më mirë, muzika pianistike shqiptare.

Marsida Koni ka qenë Pedagoge pranë Akademisë së Arteve në Tiranë, sot Universiteti i Arteve, ku fitoi konkursin për pedagoge e brendshme pranë kësaj akademie menjëherë pas mbarimit të studimeve.

Prej vitit 2005, jeton në Perugia me të shoqin, klarinetisti i njohur italian, Piero Vincenti – me të cilin shpesh ndan skenën në duetet për piano e klarinetë – e vajzën e tyre të vogël.

Ka hapur shkollë pianoje, ku me pasion e përkushtim u transmeton nxënësve të saj çka ajo di dhe ndien lidhur me muzikën.

Dy vitet e fundit ka lidhur kontratë si Maestro Collaboratore me Konservatorin shtetëror të muzikës “F. Morlacchi” të Perugias, gjë që i mundëson të njohë e të shoqërojë në piano me dhjetëra të rinj instrumentistë.

Ndërkaq, ndër vite ka dhënë me dhjetëra koncerte në skena prestigjioze italiane e ndërkombëtare jo vetëm në Itali e Shqipëri, por edhe në Belgjikë,  Francë, Angli, Kroaci, Gjermani, Maqedoni, Portugali, Spanjë, Kinë, Hong-Kong, ShBA etj.  Ka bashkëpunuar me instrumentisë me famë ndërkombëtare si për shembull me Alessandro Carbonare, klarinetisti i parë i Orkestrës së Santa Cecilia në Romë që është sot edhe klarinetisti më i njohur në botë. Është anëtare jurie në konkurse italiane e ndërkombëtare për piano.

Në vitin 2014 Marsida Konit i është akorduar “Grifo d’Argento”, vlerësimi më prestigjioz që Perugia u bën personave që shkëlqejnë në fushën e tyre e që ngrenë lart emrin e qytetit.

E siç shkruanim në rreshtat e parë, me gjithë suksesin që korr në Itali e arenën ndërkombëtare të muzikës pianistike, Marsida Koni nuk harron kurrë Shqipërinë. Në vitin 2012, në 100-vjetorin e Pavarësisë, pianistja doli me diskun e saj të parë “La mia storia… - L’Albania musicale sotto la dittatura di Enver Hoxha” që promovoi me koncerte recitale në mbarë Italinë. Edhe pse një niveli shumë cilësor, sot Marsida e konsideron sidoqoftë një produkt “fatto in casa”.

Sepse prej vitit 2017 karriera e saj ka hedhur një hap shumë të madh dhe sot ka kontrata me shtëpi të rëndësishme diskografike të njohura në mbarë botën.

Disku i ri i Marsida Konit, nga shtatori në treg në mbarë botënKështu, kur përfaqësuesve të etiketës prestigjioze diskografike holandeze Brilliant Classics i dha diskun “La mia storia…” për një vlerësim nga ana e tyre, ndoshta as vetë nuk e priste që të pëlqehej e t’i ofrohej menjëherë publikimi i diskut me ta.

Më 2 dhjetor 2017, Marsida Koni regjistron albumin e parë për shtëpinë diskografike Brilliant Classics. Quhet “Albanian Piano Music”  e përmban 28 pjesë për piano, të gjitha të shkruara në periudhën e diktaturës, nga kompozitorë si Feim Ibrahimi, Çesk Zadeja, Tonin Harapi, Kozma Lara, Vaso Tole, Thoma Simaku, Limos Dizdari, Simon Gjoni etj.

“Për mua është një kënaqësi e jashtëzakonshme – thotë pianistja për Shqiptariiitalise.com – jo vetëm për prestigjin që ka kjo etiketë por edhe për faktin që disku do të jetë në pikat më të rëndësishme në mbarë botën ku Brilliant Classics shpërndan produktet e saj”.

Për publikimin e diskut është përkujdesur Rossella Clementi, kompozitore dhe producer, njohëse shumë e mirë e muzikës klasike dhe bashkëkohore që bashkëpunon me shtëpi diskografike prestigjioze qoftë duke u propozuar talente qoftë duke kuruar regjistrimin e post-produksionin e disqeve. Për bashkëpunimin me Marsidën dhe diskun “Albanian Piano Music” flet me entuziazëm.

“Brilliant Classics është shtëpi diskografike shumë e njohur me një shpërndarje kapilare në mbarë botën – thotë për Shqiptarin e Italisë – dhe fakti që Koni nxjerr një disk me këtë etiketë ka vlerë të shumëfishtë. Nga njëra anë është vlerësim i lartë për të si artiste të cilën Brilliant e pëlqen shumë dhe e konsideron një pianiste jashtëzakonisht të zonjën. Këtë e tregon edhe vetë fakti që Brilliant, e rreptë dhe serioze në gjykim e përzgjedhje, nuk ngurroi një çast të pranojë projektin e Marsida Konit. Nga ana tjetër, fakti që muzika shqiptare ka një vitrinë kaq të rëndësishme e të madhe i jep mundësi të njihet më shumë. Dhe nga përvoja ime personale, duke qenë se u përkujdesa për post-produksionin e diskut, mund të them që e meriton: muzika e regjistruar nga Koni është shumë e bukur, me cilësi të lartë kompozimi, harmonike dhe shumë melodike. Disku është diçka e rrallë në panoramën muzikore, e kushtimi i një hapësire kësaj muzikë bën pjesë në veprimtarinë e rekuperimit e të ruajtjes së muzikës tradicionale që bëjnë shtëpitë diskografike të rëndësishme. Tashmë disku është gati e pritet të hidhet në treg në shtator të këtij viti”.

“Publikimi me një shtëpi prestigjioze u hap dyert artistëve edhe për bashkëpunime të reja të nivelit të lartë” shton Rossella Clementi.

Në fakt, edhe pranvera e këtij viti duket se është po aq e frytshme sa viti i shkuar. Pianistja Marsida Koni, si shumë e shumë muzikantë të tjerë, i ka propozuar projektet e saj shtëpisë diskografike italiane FlipperMusic (me shpërndarje në mëse 50 vende të botës), që për këtë vit ka pranuar vetëm 7 projekte.

Mes artistëve të përzgjedhur është edhe Marsida Koni, madje është e vetmja të cilës i pranohen dy propozime. Dhe vetëm pak javë më parë Marsida ka nënshkruar një kontratë me etiketën FlipperMusic. Projekti i parë që do të realizojë me ta këtë vit quhet “Il 900 pianistico albanese” e siç e thotë edhe titulli do të jetë një CD me vepra shqiptare të shkruara deri në vitin 1999. Projekti i dyti i pranuar titullohet “Riflessioni pianistici del 900” dhe  do të përmbajë vepra të shekullit XX të kompozitorëve si Prokofiev, Ravel dhe Ginastera.

Dy disqet e Marsida Konit, “Albanian Piano Music” dhe “Il 900 pianistico albanese”, përbëjnë një risi absolute për të cilën duhet të jetë krenare jo vetëm pianistja por edhe mbarë bota muzikore shqiptare. Është herë e parë që shtëpi diskografike kaq të rëndësishme publikojnë disqe me përmbledhjen thuajse të plotë të veprave shqiptare pianistike të regjistruar nga një artist shqiptar.

Keti Biçoku
(Ndiqni Shqiptariiitalise.com edhe në Facebook dhe Twitter)

Lexo edhe:
Marsida Koni: “Jeta pa muzikë nuk ka kuptim, është si një zjarr pa ngrohtësi”
Marsida Koni. Për 100 vjetor të Pavarësisë, muzikë shqiptare në Romë
Marsida Koni sjell muzikën e kompozitorëve shqiptarë në skenat italiane
Një duet shqiptar në edicionin e 40-të të Festivalit Ndërkombëtar të Klarinetës
“Grifo d’argento” për Marsida Konin. Perugia e nderon me simbolin e saj

 

Intervista di Ndue Lazri alla ballerina e coreografa Drita Gega. Dalle difficoltà dei primi anni in emigrazione all’idea del gruppo di ballo "Le aquile" a Lecco

Ka dalë në treg “Il milionario povero” romani i Angela Kostas, shkrimtare për pasion, që çdo ditë përkujdeset për të sëmurët në një qendër spitalore. “Puna më ka ndihmuar të kuptoj më së miri ç’do të thotë të jetosh. Gjatë këtyre viteve të gjata, pranë pacientëve kuptova mesazhin e rëndësishëm që jeta na jep: të falënderojmë Zotin për gjithçka na dhuron çdo ditë”

Engjëllushja, apo Angela, siç e thërrasin tashmë prej shumë kohësh këtu në Itali, është një 45vjeçare nga Elbasani që jeton në Umbertide të Perugias. Punon si asistente në një qendër spitalore, gjë që e impenjon fizikisht e shpirtërisht, përkujdeset për familjen e gjen gjithnjë kohë për të çuar përpara pasionin e saj: të shkruajë poezi e romane. Nga fundi i vitit të kaluar ka nxjerrë romanin e saj të fundit, “Il milionario povero” (Morlacchi editore), që është libri i katërt i botuar në gjuhën italiane - pas romaneve “La collana magica” (2007), “Gli occhi della madre” (2011) dhe vëllimit me poezi “Lacrima lucente” (2008) - veç dy të tjerëve të botuar në Shqipëri, “Më fal” (2002), “Shpirti i burgosur” (2003).

“Romani “Il milionario povero” përmban shumë histori personazhesh në kërkim të vetvetes, të lidhjeve të vërteta, të vlerave që të mund t’i japin kuptim ekzistencës. Romani flet për një rrëmbim, dy vajza binjake, një milioner dhe Clara-n, në një seri të papriturash, viktima të një të kaluare që nuk mund të kthehet më mbrapsht, por me sytë drejt të ardhmes duke kuptuar se në fund të fundit, kuptimin e gjithçkaje e gjen pranë familjes. – tregon romanin me dy fjalë Angela, duke shtuar – Ajo që dua të them përmes këtij romani është se asgjë nuk mund ta anulojë dhuratën e jetës, as pasuria, as mirëqenia, as pushteti. Ajo që ka rëndësi në fund të fundit është vetëm familja”.

Kur Angela të tregon për veten e saj, kupton se është një grua që, edhe pse jeta e ka vënë jo rrallë para vështirësish, pranë dhimbjes dhe vuajtjes, është bërë më e fortë, nuk ka humbur asnjëherë buzëqeshjen, dëshirën për t’u vënë në dispozicion të të tjerëve e mirëbesimin tek ata që e rrethojnë.

Si i kujtoni vitet e para në Itali? E sot, Sa e konsideroni veten të ardhur e sa një person që këtu ka gjetur shtëpinë e saj, që jeton e qetë dhe ndihet e realizuar?

Erdha në Itali në vitin 1994 për t’u bashkuar me tim shoq që kish ardhur me anijet e ’91-shit. Kur mbërrita, e shihja Italinë si një vend të mrekullueshëm me rrugën hapur drejt një të ardhmeje më të mirë për familjen time, për realizimin e ëndrrave. Isha shumë e re e kisha dy fëmijë të vegjël. Ime bijë shkonte në klasë të parë e djali në kopsht. Duhet të them se në atë fillim na kanë ndihmuar shumë. Këtu në Umbertide, qytezë në Umbria, ku u vendosëm, ndjeva menjëherë shpirtin e ngrohtë humanitar që spikat në popullin italian.

Si ndiheni sot në Itali? Sa e konsideroni veten të ardhur e sa një person që këtu ka gjetur shtëpinë e saj, që jeton e qetë dhe ndihet e realizuar?

Fillimisht, duhet të nënvizoj se pavarësisht të gjithave, sot pas shumë viteve, edhe pse të integruar mirë në shoqërinë italiane, na mungon atdheu, toka, shtëpia jonë.

Falë djersës sonë por edhe falë mikpritjes së italianëve sot kemi hedhur rrënjë këtu, jetojmë në harmoni të plotë me komunitetin pa u ndier asnjëherë të huaj. Pas shumë sakrificave, si shumë e shumë familje emigrantësh, sot kam arritur të jem një grua e pavarur dhe të ndihem e realizuar. Kam pasur fatin të punoj në një spital; është një ambient ku njeh nga afër vuajtjet njerëzore, fizike, psikologjike dhe morale. Jam kujdesur e kam pasur mundësi të jem në kontakt të vazhdueshëm me dhimbjen. Puna si kjo e asistentes, apo badante-s, më ka ndihmuar të perceptoj, të kuptoj më së miri ç’do të thotë të jetosh. Gjatë këtyre viteve të gjata, pranë pacientëve kuptova mesazhin e rëndësishëm që jeta na jep: të falënderojmë Zotin për gjithçka na dhuron çdo ditë. Sot si shumë shqiptarë të tjerë ndihem në shtëpi, edhe këtu në Itali.

Keni ushqyer që në vogëli ëndrrën që një ditë të bëheshit shkrimtare?

Shkruaj që kur isha e vogël. Poezia e parë i kushtohej nënës sime Sofi. Ndër vite kam shkruar shumë tregime e poezi. Vonë arrita të botoj në Shqipëri me shtëpinë botuese Onufri, “Më fal” në vitin 2002 dhe “Shpirti i burgosur” në 2003-shin.

Më pas keni botuar edhe në Itali. Mund të na thoni dy fjalë rreth romaneve e poezive tuaja?

Me gjithë vështirësitë që kam pasur, arrita të botoj disa libra edhe këtu.
Në vitin 2007 shtëpia botuese Morlacchi më botoi romanin “La collana magica”. Libri flet për figurën e gruas sot, e fortë që arrin të kapërcejë e t’u mbijetojë paragjykimeve. Protagonistja e romanit është Vanessa  që ndodhet në shtëpinë e një tezeje duke i dhënë fund një martese të dhimbshme e aspak të lumtur. Do të jetë një letër e tezes që do të sjellë një ndryshim rrënjësor për të ardhmen e protagonistes. Intrigat e personazheve, arratisja, pakënaqësia, falja, dashuria i japin një jetë të re kujt ia del të triumfojë mbi zhgënjimet.
Përmbledhja me poezi “Lacrima lucente” e botuar në vitin 2008 është një libër që kam veçanërisht për zemër, sepse u botua me qëllim që të ardhurat prej tij të shkonin krejtësisht për të sëmurët me SLA, Skleroza Amiotrofike Laterale. Ia kisha premtuar Graziellës, një pacienteje që vdiq nga kjo sëmundje e rëndë, kopertinën e përgatiti një djalë, edhe ky me të njëjtën sëmundje, e botimi u bë i mundur falë një mbledhje fondesh mes të gjithë fizioterapistëve të spitalit ku punoj. 
“Gli occhi della madre”, roman i botuar në 2011-tën është një thriller me në qendër dy vëllezër, Nek e Al, njëri prej të cilëve (Nek) urren për vdekje tjetrin. Bën çmos që të devijojë hetimet për një krim të kryer në mënyrë që në burg të përfundojë i pafajshmi Al. Do të jetë nëna e tyre Isabella që do të çojë fajtorin e vërtetë para drejtësisë.
Kam dëshirë që librat e botuar këtu në Itali, t’i përkthej e t’i botoj edhe në gjuhën shqipe. Por tani për tani nuk më është dhënë ndonjë mundësi.

Projekti i ardhshëm letrar?

Është surprizë… Mund të them vetëm që shumë shpejt do të nxjerr një libër të ri.

Shqiptari i Italisë
(Ndiqni Shqiptariiitalise.com edhe në Facebook dhe Twitter)
    

La nuova Italia tra le nuove generazioni: Bruna Kola Mece, candidata al Consiglio regionale per Liberi e uguali di Bergamo

Ha 25 anni, albanese di nascita, italiana di fatto, laureanda in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. All'età di 16 anni ha cominciato a interessarsi di politica, affacciandosi a un mondo che le apparteneva più di quanto pensasse: le seconde generazioni.

L'associazione ANOLF di Bergamo (Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere) la scelse per il coordinamento giovani. L'obiettivo principale era quello di contribuire a creare una società aperta verso le diversità, in un mondo sempre più multietnico e multiculturale. “Libertà e uguaglianza divennero così i pilastri ideologici della mia persona” afferma lei, continuando: “Negli anni mi sono immersa in diverse battaglie: lotta alle mafie con Libera, volontaria a sostegno dei diritti fondamentali dell'uomo con ActionAid e operatrice presso l'associazione Sconfinando impegnata sui temi dell'immigrazione”.

Arrivando ai giorni d’oggi, alla candidatura di Liberi e Uguali per il Consiglio regionale di Lomardia. “Ho accettato la candidatura con entusiasmo, per mettermi in gioco rappresentando la voce di chi non può farlo; credo che i giovani possano essere il tassello fondamentale per ricucire tutto ciò che hanno diviso. Cercare di ottenere i diritti fondamentali per la dignità della persona: casa, istruzione, salute. – dice Bruna - Combattere le disuguaglianze di genere, la questione femminile nel mondo del lavoro come primo mattone. Portare le seconde generazioni straniere a sentirsi "prime" come tutti gli italiani. Temi che perseguirò con tenacia, perché bisogna lottare fino in fondo”.

Bruna Kola Mece, so che le piace portare anche il cognome di suo nonno materno. Che cosa porta oggi nella politica italiana dal suo paese di origine Albania e quello che lo ha crescita e formata, l’Italia?

Bruna ad oggi nella politica italiana può portare ciò che si chiama coraggio. Mi piace definirlo così, perché ci vuole davvero coraggio per scegliere e per rappresentare. Ci vuole coraggio per decidere di cambiare, non tutti fanno questo piccolo passo in avanti. Forse le persone ad oggi si sentono nauseate dalla politica, sono disinnamorate. Tutto questo è comprensibile, ma per me è passione.

Quali cambiamenti neccessari può portare una giovane come lei, parte delle considette "seconde generazioni" nell'ambito della politica migratoria italiana?

Spesso ho visto la mia candidatura alla regione come una forma di riscatto, perché come me, tutti i giovani di seconda generazione si portano alle spalle valige colme di speranze per sentirsi accettati in qualche modo. Sapere che forse una “ voce “ ti può sostenere, ti può capire più di altri, ti sentì un po’ più a casa così per me è fondamentale. Cercare di coinvolgere chi per tanto tempo è stato escluso.

Perché ha scelto di presentarsi con Liberi e Uguali? In cosa la rappresenta al meglio questo partito?

Ho scelto di accettare la mia candidatura all’interno di Liberi e Uguali perché forse tutto quello che vorrei spiegare è già rinchiuso nel nome stesso. In questa lista, che è fondamentalmente l’unione di tre partiti, io provengo da Sinistra Italiana. Ad oggi dico che dopo il 5 marzo dovremmo crearne uno di progetto politico sulla base di ciò che siamo. Liberi e Uguali rappresenta la più attenta lotta alle disuguaglianze. Nel nostro programma affrontiamo temi importanti non dimenticandoci di nessuno, perché sappiamo che l’Italia ha delle ferite ancora molto profonde. Vogliamo mettere al centro di tutto il lavoro, perché è da qui che si basa il primo articolo della nostra costituzione. Il lavoro dignitoso, ti rende libero. Il lavoro precario ti rende schiavo della vita stessa. Reintrodurre l’articolo 18 e l’abolizione del Jobs Act. L’Italia si trova al penultimo posto in Europa per quanto riguarda l’occupazione femminile e ai primi posti per disoccupazione giovanile. Bisogna ripartire da qui, bisogna trattenere le 500 mila persone che quasi ogni due anni lasciano il nostro paese.

Ha trovato delle difficolta in questo cammino?

Ovviamente se ogni cammino fosse privo di ostacoli non potremmo nemmeno definirla esperienza. Le difficoltà che ho riscontrato si sono basate su una discriminazione sessista e razzista, che ad oggi non attacca solo me, ma tutti. Però non vorrei nemmeno definirle difficoltà, per me sono sicuramente motivo di amarezza ma ho cercato di combattere le cattiverie nel modo opposto, facendomi forza su tutte quelle persone italiane e non che mi hanno appoggiata e mi hanno dimostrato quanto sia importante che io persegua i miei obbiettivi senza abbassare lo sguardo. Così ho fatto, mi sono armata di sorrisi e gentilezza, perché credo sia il dialogo l’unica arma possibile per contrastare il mondo crudele di internet a volte.

Quale è il suo sostenitore più grande?

Ovviamente posso dirlo con fierezza la mia fan numero 1 è mia madre. A lei devo molto, devo sopratutto l’amore per ciò che faccio che mi è stato tramandato tramite il suo lavoro anno dopo anno. La sua attenzione minuziosa, la sua caparbietà hanno costruito piccoli pezzi di puzzle dentro di me e mi hanno portata qui.

Bruna, lei è cresciuta in una famiglia che conosce bene il terzo settore, il mondo del volontariato e dell'associazionismo, parlo qui di Sconfinando, un associazione che la sua mamma porta avanti da anni aiutando centinaia di connazionali e migranti di superare le difficolta della burocrazia e delle leggi migratori che oggi vivono in Italia. Quali leggi le piacerebbe cambiare?

L’immigrazione l’ho vissuta, non in primo piano forse come la mia famiglia ma io le sensazioni dell’abbandono da una terra all’altra le ho ancora addosso. Proprio per questo non dobbiamo permettere al malfunzionamento dello stato sociale di rendere questa terra deserta. Stiamo cercando di riformare una nuova sinistra che sappia accogliere le esigenze di tutti. Che metta sullo stesso piano la figura femminile, per secoli discriminata da logiche massoniche di uomini che hanno scelto per fin troppo tempo. La cultura deve avere un libero accesso dalla culla all’università. La salute non deve emarginare nessuno. 12 milioni di italiani rinunciano alle cure perché i costi aumentano, vogliamo interrompere questa privatizzazione e riportare il finanziamento alla sanità nella media europea. Questi sono solo alcuni dei motivi che mi hanno resa parte di Liberi e Uguali, motivi di cui vado orgogliosa perché lì dentro ci sono io al 100%. 

Pensa che la politica italiana di oggi usi la figura del migrante per raccogliere consensi o sia puro bisogno di cambiamento?

L’iter burocratico in tema migratorio è più che straziante. Molti cittadini stranieri dovrebbero essere affiancati in questo, la comprensione della lingua di per sè si presenta difficile, c’è bisogno di sostegno a tutti gli effetti. Credo che una legge da cambiare sia assolutamente la Bossi Fini, il disastro per eccellenza dove a farne le spese sono stati sempre gli immigrati e mai i datori di lavoro. Bisogna introdurre un permesso di ricerca  lavoro e meccanismi regolari, promuovere la nascita di un unico sistema di asilo europeo che superi il criterio del primo paese d’accesso e che comprenda canali umanitari e missioni di salvataggio. Ecco forse bisogna avere la capacità di non lasciare le persone da sole, da qui parte la mia politica, persona per persona

Marsela Koçi

 

II miei pensieri
non restano fermi,
si muovono, corrono
incessantemente.
(21) [i]
Saggio di Lorenzo Spurio, scrittore, poeta e critico letterario

Irma Kurti appartiene a quel novero abbastanza ampio di intellettuali della repubblica albanese che, a seguito degli avversi avvicendamenti politico-sociali del proprio paese, sono giunti in Italia nei decenni scorsi e hanno finito per eleggere come patria adottiva, appunto, quella italiana. Si tratta di una compagine estesa di esperienze letterarie e poetiche estere che, per riferirci alle sagge e pertinenti considerazioni del poeta e scrittore italo-brasiliano Julio Monteiro Martins, hanno finito per incunearsi nella letteratura italiana, arricchendola sensibilmente e meritoriamente, speziandola e mitigandola aprendola a nuove tematiche, esigenze, moniti e forme. Scrittori di migrazioni o extra-comunitari che, giunti nella nuova residenza dove hanno creato famiglia, trovato lavoro e si sono assicurati un presente, hanno fatte proprie le esigenze di esprimersi anche con la nuova lingua, quella del paese ospitante, l’idioma della nuova realtà abitativa. Va, però, anche detto che questo non è stato in linea generale un procedimento automatico e valido in forma globale nel senso che vari intellettuali dell’Albania, a vari livelli (cito la poetessa Mardema Kelmendi) pur giunti nel nostro paese in forma stabile, e dunque a contatto diretto con la nostra lingua, hanno preferito continuare, nell’atto scrittorio, adoperando la sola e unica lingua madre. Scelte individuali al contempo rispettabili e custodi di un diverso rapporto con la propria patria o, piuttosto, dominate da motivazioni prettamente biografiche e intime, personali e soggettive, a volte addirittura traumatiche o lacerantemente nostalgiche, ancor più difficili da indagare o cercare di ipotizzare in mancanza di una chiara e diretta conoscenza con l’autore in oggetto.

Ritengo utile approfondire il percorso letterario e poetico della Kurti iscrivendone ancor meglio il tracciato all’interno della compagine della letteratura albanese della quale è senz’altro doveroso riconoscere l’importanza del contributo fornito da un intellettuale quale Ismail Kadare (Argirocastro, 1936). Egli, pur avendo esordito con la poesia, è divenuto poi piuttosto celebre come narratore dando alle stampe numerosi romanzi, i principali dei quali sono stati tradotti nelle maggiori lingue. L’opera poetica di Kadare è contenuta in alcuni libri: Le ispirazioni giovanili (1954), I sogni… (1957), Il mio secolo (1961), Perché pensano queste montagne (1964), Motivi di sole (1968), Il tempo (1976); ritornerà alla poesia alcuni decenni più tardi pubblicando Gocce di pioggia caddero sul vetro (2003) per poi rivelare pochi anni dopo in un’intervista che non avrebbe più scritto poesia. Giovanni Belluscio ha rivelato che la poesia di Kadare tradotta e conosciuta nel nostro paese è prettamente di argomento politico e richiama, per una maggiore trattazione, i volumi Tre poeti dell’Albania di oggi: Migjeni Siliqi Kadare curato da Joyce Lussu (Lerici, Roma, 1969) e La poesia degli albanesi (Eri, 1977); di contro il corpus più marcatamente lirico e meno impegnato risulta meno noto e oggetto di alcune recenti traduzioni ed edizioni anche nel nostro Paese.

Giuseppina Turano lo definisce “personalità eclettica: poeta, prosatore, pensatore, autore di saggi che aprono dibattiti e scatenano reazioni perché alla polemica letteraria quasi sempre fa seguito quella ideologica”. L’attenzione principale di Kadare, quale interprete di una società in seria difficoltà, è stata quella di rintracciare il legame culturale, storico e ancestrale della terra d’Albania in relazione al macro-contesto dei Balcani connettendolo alla comune appartenenza dell’ambito e di influenza europea. Come ha osservato la critica l’opera di Kadare, quella dei suoi romanzi, si è contraddistinta per ininterrotte e continue operazioni di revisione, correzione e rimaneggiamento: esistono plurime versioni di bozze delle sue narrazioni a testimonianza di un propulsivo atto creativo e di un’incalzante e mai doma necessità di rileggersi e di riscoprirsi.

Ismail Kadare risulta difficilmente catalogabile in una possibile stagione letteraria, ammesso che tale definizione possa dirsi plausibile nell’Albania fosca e turbolenta degli anni di regime. Difatti la sua posizione ideologica fu tutt’altro che avulsa dalla dimensione politica divenendo ben presto voce in appoggio al regime di Enver Hoxha. Non va dimenticato che il dittatore nel 1973, nell’occasione dell’imminente pubblicazione del romanzo L’inverno della grande solitudine (titolo originale Dimri i vetmisë së madhe), gli scrisse dandogli istruzioni su come meglio aggiustare il tiro nelle pagine in cui, pur implicitamente, alludeva alla sua figura e al suo contesto. Le correzioni proposte, da lui prontamente avallate, trovarono la loro forma definitiva nel testo che venne alla luce qualche anno dopo, assicurando allo stesso autore il beneplacito nonché la protezione. A differenza di intellettuali ritenuti sovversivi, l’attività letteraria di Kadare non venne solo consentita e accettata ma fu innalzata e promossa dal regime perché fonte e mezzo di accettazione, consenso e propaganda dell’ideologia comunista. Tra gli intellettuali che nell’età del totalitarismo comunista di Hoxha si distaccarono e combatterono per la libertà non possiamo non menzionare Havzi Nela (1934-1988). Di professione insegnante fu ostile all’ideologia comunista e non mancò di dimostrarlo. Fu sorvegliato speciale del regime e le sue opere vennero censurate. Fuggito in Kossovo assieme alla moglie venne arrestato e, per uno scambio di prigionieri tra Jugoslavia e Albania venne riconsegnato alle autorità competenti albanesi dove venne condannato a quindici anni di reclusione per offesa e diserzione nei confronti della patria. Nel 1986 la sua detenzione ebbe fine ma venne confinato nel villaggio di Arren. Quando morì sua madre, l’anno successivo, per andare a porgerle l’omaggio, in un’altra città, si allontanò da Arren. Scovato, venne nuovamente arrestato e questa volta condannato a morte per impiccagione. La condanna ebbe luogo nel 1988. Con l’ottenimento di una società democratica in Albania il governo si impegnò a localizzare il corpo del poeta assassinato e sepolto in un luogo anonimo e il Presidente della Repubblica Sali Berisha lo proclamò “Martire della democrazia”.

Queste sin qui citate sono solo alcune delle figure di chiaro risalto intellettuale della società letteraria albanese, per permettere, sin da subito, di focalizzare le varie e pesanti derivazioni del regime totalitario sofferte dagli albanesi e solo in alcuni contesti portate alla luce, confessate e narrate, anche per mezzo dell’artifizio letterario. Ma ritorniamo ora al nostro interesse primario.

Irma Kurti è nata a Tirana nel 1966. Si è laureata in lingua inglese all’Università degli Studi di Tirana. Nel 1988 ha iniziato a lavorare come insegnante e dal 1990 in poi ha collaborato come giornalista per il “Mësuesi” (“L'insegnante”), il “Dita informacion” (“Informazione del Giorno”) e altri giornali albanesi. Nello stesso periodo ha frequentato corsi di specializzazione in giornalismo in vari paesi esteri, tra cui Germania, Norvegia, Italia e USA. Già nota al pubblico della repubblica delle aquile con una serie di lavori poetici pubblicati e per vari testi musicali che le hanno portato discreto successo, nel suo paese la sua attività letteraria è iniziata da giovanissima: nel 1980, infatti, venne premiata con il primo premio nazionale in occasione del 35° anniversario della rivista “Pionieri” e nel 1989 arrivò seconda al Concorso Nazionale organizzato da Radio Tirana in occasione del 45° anniversario della liberazione dell’Albania. Al pubblico albanese è conosciuta anche come scrittrice di testi di musica leggera, con cui ha partecipato a numerosi festival nazionali. Nel 1998 ha pubblicato il primo cd contenente le sue canzoni di maggior successo e nel 2013 il secondo. Le sue poesie sono incluse in alcune antologie della Libreria Internazionale di Poesia del Maryland, tra le quali Forever spoken (Detto per sempre) e The best poems and poets of 2007 (Le poesie e i poeti migliori del 2007). Inoltre, sue poesie e racconti fanno parte delle raccolte antologiche: Il Federiciano (Aletti Editore, 2010), Antologia del Concorso Diffusione Autori 2011 (GDS Edizioni), Antologia Lingua Madre - Racconti di donne straniere in Italia 2012/2013, Enciclopedia Universale degli Autori Italiani (anni 2013/2014/2015/2016), Adriatico: emozioni d’onde e sentimenti (2017), ecc. Gran parte della sua attività poetica è stata tradotta anche in lingua inglese.[ii] Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti letterari in Italia e nella Svizzera Italiana, dove nel 2013 le è stato conferito il Premio Internazionale “Universum Donna” IX Edizione per la Letteratura. È stata inoltre investita della nomina a vita di “Ambasciatrice di Pace” dall’Università della Pace della Svizzera Italiana. In Italia è giunta nel 2006 stabilendosi a Bergamo. Numerose le sillogi poetiche edite nel nostro paese: Risvegliare un amore spento (2011), Sotto la mia maglia (2013), Non è questo il mare (2014), Sulla soglia di un dolore (2016) e la recente Senza patria (2016).[iii]

Il mio approfondimento partirà proprio da questo suo ultimo lavoro, dal cui titolo promana distintamente un senso al contempo di abbandono e straniamento. La condizione di apolide[iv] che la Kurti descrive nella prima sezione di questo libro che contiene liriche che vanno sotto il titolo di “I ricordi in versi” fuoriesce mediante una riflessione prevalentemente amara e nostalgica sul tempo andato dell’infanzia e dell’adolescenza. La patria natia, l’Albania, che la donna ha dovuto lasciare in cerca di migliori condizioni giungendo in Italia viene descritta in qualche modo come perduta. 

Sebbene la poetessa sia ben integrata nel nuovo ambiente, al contempo non può riconoscerlo come suo, come nativo e sorgivo, sperimentando con esso una sorta di rapporto di sopravvivenza, di convenienza, quale surrogato dettato dalle nuove necessità che si sono venute a creare. Si percepisce nettamente nelle liriche di Irma Kurti questa desolante ricerca delle origini, quasi asfittica e rabdomantica, i suoi versi sono come scapestrati abbordaggi verso le coste del suo paese, c’è tormento e una sensazione d’incompletezza che spesso, nella quotidianità rituale del giorno, dà luogo anche a inadeguatezza e tristezza. È in questi momenti in cui la sua situazione di albanese-senza-patria, di straniera, vale a dire di sradicata, che l’animo della Nostra è intaccato più duramente da tutte quelle immagini che hanno contraddistinto un periodo felice e condiviso, spensierato e dominato dall’amore disinteressato. Gli spettri del passato inseguono e fanno capolino di continuo, sembrerebbe con un facile sadismo, in “que[l] suolo estraneo” (15) che, volenti o nolenti, è la vita del presente.

L’immagine dell’Albania di alcuni decenni orsono che traspare dalle narrazioni della Kurti non è affatto positiva: un paese povero e sordido, arretrato e consumato dalla corruzione, negletto al bene sociale, utilitarista e insensibile alle necessità del singolo. Si vedano alcuni estratti significativi tratti dal romanzo autobiografico Tra le due rive (2011): negli uffici albanesi c’erano impiegati indifferenti, maleducati, che d’un tratto cambiavano atteggiamento quando io davo loro soldi di nascosto. […] Si rendevano gentili ed ipocriti, disponibili ad aiutarti. Li odiavo quando si trasformavano così, odiavo tutto il sistema corrotto” (13); “C’erano molte cose che mancavano nel mio paese” (20); “La disonestà dello Stato albanese che non assicurava nulla agli ammalati, contro i politici, contro… tutto il mondo” (37). Del periodo di regime vissuto dall’Albania la poetessa ricorda la censura, l’embargo di prodotti, l’ingorda e laida filosofia inneggiante la retorica di regime: “Al mercato si trovavano solo prodotti nostri, niente dall’estero. Non c’era abbondanza” (101); “La maggior parte delle poesie erano dedicate all’unico partito di quel periodo, Partia e Punes (ovvero il Partito del Lavoro) ed al suo leader, Enver Hoxha. Le poesie, piene di demagogia, esprimevano poco i nostri sentimenti. Tuttavia, questo non ci impediva di essere felici, di gioire quando vedevamo pubblicate le nostre composizioni e di sognare che un giorno saremmo diventati famosi” (102).

Cosa contiene il passato di Irma Kurti? Esso è come un armadio ampio e irraggiungibile dagli infiniti scaffali, con ripiani lunghi e interminabili così imperscrutabili che non si riesce a toccarne il fondo. In essi dimorano “brandelli di memorie [e] conchiglie rotte” (16) e tutti quegli oggetti, quelle erbe e quei colori che ne motivano una coscienza chiara e volitiva atta a “preservare costumi, tradizioni” (13). In questo avvicendamento continuo di pillole di memoria che spesso rendono la spoliazione e il disorientamento fattori preminenti a determinare instabilità, si rivela profondo orgoglio nella Nostra nel rivelare di aver “combattuto da sola […] senza chiedere aiuto” (18) a dimostrazione di una tempra fiera e battagliera.

La poetessa, dai cui versi promanano immagini cariche di romanticismo, non è talmente pessimista e lamentosa da rinchiudere il suo mondo in ciò che è accaduto e può rivivere solo col pensiero, ma parla anche del presente, spazio che non circoscrive ma che definisce tra due limiti in sé astrusi eppure alquanto sconvolgenti e fiaccanti: “noia e stress” (17). Giornate nelle quali ricerca il giusto spazio per lei, il silenzio, allontanandosi dal rumore di fuori per concedersi tempo a sé stessa, ad ascoltare la sua anima. Ma non è così semplice saper ascoltare se stessi se non ci si è formati nella palestra della vita, se non si è riusciti a porre l’importanza del sentire il proprio io dinanzi alle vorticose realtà del contingente; ecco perché, delusa e sfiduciata, la vediamo spesso inetta nell’autogestione del suo apparato volitivo tanto da finire come travolta dall’invalicabile corso degli eventi (“sento che il giorno dalle mani mi sfugge”, 17). Due velocità diverse che creano afasia e distorsione, binari precisamente distanti che raramente sembrano incontrare la giusta congiunzione. Le accezioni del contemporaneo non sono molto fertili e attrattive difatti il mondo è descritto mestamente (ma direi con lucidità) come “crudele e finto” (19) frutto cioè di un uomo che è spesso improntato a generare male contro se stesso e gli altri, di un essere che ha perso la spontaneità per rincorrere ai più biechi meccanismi, compresa la menzogna e il tradimento, per raggiungere i suoi scopi.

In questa disamina di un tempo che trascorre spesso velocemente non permettendo di godere del tuo tempo come vorresti o di distanziarti da quel brulicame di suoni che generano stanchezza, la Nostra parla del “giorno [che] trascina” (19) come un vortice inarrestabile, un getto inconsulto d’aria in refoli ingestibili che fanno arrabattare oggetti, volare foglie e travolgere tutto ciò che incontra nel suo percorso. Metafora ben costruita che rimanda alle puntuali considerazioni filosofiche sul tempo e la sua percezione di cui i più grandi pensatori, da S. Agostino a Shakespeare sino a T.S. Eliot trattarono: il tempo è dissipazione. Qui, nella Kurti, pur avendo una connotazione negativa di un’entità astratta che porta in qualche modo a una situazione di abbrutimento o distruzione dal prima, il tempo porta via come se, pur non visto, ci afferrasse alla mano e ci facesse compiere salti temporali e spaziali consistenti, ci sbatacchia, accelera e ci comanda. In quel tempo – più o meno lungo nel quale siamo “trascinati” – è come se si producesse una sorta di annullamento del nostro micro-cosmo, della nostra essenza. Non esiste, in effetti, una possibile pozione o un nutrimento speciale che possa eludere questo impotente trascinìo al quale siamo soggetti sebbene la Kurti, azzimata da motivi della tradizione classica e agreste, reclama un invito prezioso (il carpe diem a fronte del tempus fugit): “Devi combattere ogni minuto della vita” (19) anche per cercare di mitigare (non è possibile annullarle) le “afflizioni del mondo” (20) mediante un impegno etico che, seppur non richiamato direttamente, sembra percepirsi tra le righe.

Incistate nelle carne le poesie di Irma Kurti parlano di desolazione anche quando la natura sembra intervenire a mitigare quell’assenza e lontananza dalla terra madre: componimenti che nutrono e figliano nella loro recondita eppur viva “nostalgia infinita” (13) tra “ricordi smarriti” (23) che si approssimano a divenire sbiaditi pur restando indelebili e cocenti.  Il percorso umano è allora teso a una sfida continua che, giorno dopo giorno, ha manifestazione sotto un cielo che non è quello che vorrebbe coprisse i suoi pensieri; la poetessa è volitiva e ferma nel suo scopo di “guarire la nostalgia/ della [sua] terra sofferente” (15) o, per lo meno, di tentare. Si stagliano così mondi in sé lontani che la Poetessa mescola nei versi, tra sprazzi di un passato felice che fuoriesce impetuoso come da una sorgiva nei suoi “ricordi lontani” (45) e quel presente difficilmente descrivibile dove “la […] magia si è trasformata in nullità” (23). Curiosa questa attribuzione di immagini in cui il presente, che rappresenta la vita vera che, pur indefessa e a volte cruda, accade ha la forma vaga e annichilente della ‘nullità’ mentre l’infanzia rimane un verde racconto popolare dal lieto finale: “quando vivevo la vita uguale a una favola” (45).

Si pone così il dilemma su come sia possibile (ammesso che, effettivamente, lo sia) convivere con questa situazione di tumulto interiore, d’inadeguatezza fisica, di spossamento psichico, di bilocazione e perdita di personalità. Irma Kurti, consapevole della sua unica natura che aspira a una biunivoca appropriazione degli spazi (“tante volte appartengo/ alle due terre”, 50) spesso si scopre ingabbiata e stordita in questo sistema di ambienti che non hanno felice intersezione: “sono indifesa, fragile/ mi sento un corpo nudo/ in un giorno d’inverno” (50).

La lontananza dal mito dell’infanzia, da quella spensieratezza e godimento ormai tramontati e decisamente relegati a un’età non più ravvicinabile anche per mezzo della dipartita della madre, è al contempo fremito d’amore che s’incunea e si amplifica nei momenti di lancinante assenza e di un naufragio sulla costa del suo paese. Non c’è invito al compatimento sebbene i toni della poetessa si facciano rarefatti e si percepisca l’intensità del tormento intimo, fratello di quello di tanti esuli a lei simili, che, con un rinato coraggio e concretezza (ciò che il mondo del presente reclama e fagocita) avanza la formula di speranza che nasce nella profonda introspezione e recita: “continuerò a esistere così,/ con l’anima che si libra/ nell’aria dei due paesi” (15).

Varie liriche non mancano di rivelare un’umanità disattenta trincerata non di rado dietro i più biechi egoismi; sapendo del parallelismo della Kurti tra passato-favola e dunque un mondo felice e mitico, pare di credere che simili attestazioni si riferiscano al mondo ruggente della contemporaneità che si contraddistingue con la sua età adulta vissuta in Italia. La poetessa, quale abile analista di un popolo spesso stanco e improntato alla noia nonché sedotto dal facile interesse, parla con un monito di stizza seppur taciuto della “freddezza della gente” (27), una forma di lontananza assai più fastidiosa e invalicabile di quella meramente fisica nei confronti del suo paese oltre l’Adriatico.

L’insensibilità è descritta anche nelle forme dell’omertà e dell’indifferenza (la “gente che chiude le orecchie”, 27), in un’incuria etica assai spregevole che porta all’immolazione dell’ego e al bistrattamento del vicino come quando osserva che l’uomo è “insensibile/ alle angosce degli altri” (53). Ritornano spesso le immagini-simbolo della maschera, paravento che annulla la desolante e infingarda realtà per trasmettere l’illusione e l’ipocrisia.

Plastiche e ineluttabili le immagini di dolore e spietatezza che attorniano la poetessa come quella di un impressionante cielo delineato nella sua “camicia insanguinata” (Sotto la mia maglia, 2013) o, ancora, di una giungla[v] indistinta di luci abbaglianti e di suoni indecifrabili: “La mia vita è stata una foresta gigante,/ con sentieri e percorsi, assai complicata” (Sotto la mia maglia, 2013). Irma Kurti rifugge la società sprezzante, egoistica e insensibile all’altro[vi], costituita dai “tanti esseri strani, diciamo bestie” (Sotto la mia maglia, 2013), anelando a uno spazio bianco e sospeso nel quale “incontr[a] gente/ che non sa cosa siano/ gl’intrighi e l’invidia” (Sotto la mia maglia, 2013). Il tentativo spesso appare vano giacché non di rado si palesa dinanzi ai suoi occhi che “Questo è tempo della gente arrabbiata,/ non si sa con chi, con il sole o la luna,/ delle persone che non riescono a tacere,/ quelle che parlano, ma non dicono nulla” (Sotto la mia maglia, 2013). Ci troviamo a vivere – per dirla con altri termini – in una barbarie comunicativa figlia di un’inciviltà sociale sempre più preponderante. Considerazioni che sembrano ulteriormente radicalizzarsi senza scampo o possibilità di tregua: “Ma la pace è sfuggente, scappa/ Il male lì fuori è più potente,/ la sfida e riesce a penetrare/ dentro le palpebre abbassate” (Sulla soglia di un dolore, 2016). In questo seminato dove mai nulla è ciò che appare la vanità indossa i suoi abiti migliori e, agghindata, dietro una smorfia di belletto vive nel gaudio di buffet dove si scorpacciano pregiudizi, false realtà e si fortificano paure.

Nella seconda parte del libro, “Questo amore”, leggermente più esigua da quella che l’ha preceduta, trovano posto liriche intimiste nella forma del canto d’amore che la poetessa rivolge agli amati genitori che ora rievoca. In “Ho bisogno di voi” è contenuta, in un verso accorato e dedicato ai genitori, un sorta di appello verso l’altro. La chiusa della poesia fa ripiombare la poetessa nella drammaticità del presente: “il mondo è estraneo, l’arena di un circo/ riempito di rose e di bestie selvatiche” (60). Scorrono così, con una piacevolezza moderata e un disincanto che si scioglie nelle liete memorie, fotogrammi di una natura amica come il salice piangente, che ora diviene metafora di un lamento infinito, i cieli stellati e “quella bella casa su in collina” (73), antri di una sofferenza epidermica che riaffiora acuita dal senso d’assenza e dall’inquietudine mai doma della lontananza. In “Fino all’alba”, il più alto canto d’amore, forse, dell’intero volume, nella forma di un io lirico rattristito e impotente dinanzi alla malattia. Nel canto lirico il dolore, che nella realtà tracima da ogni parte ed è insolubile anche alla più lieve speranza, diviene una sorta di gioco, pure infausto, dove il cancro è vincibile e sanabile: esso può essere spostato e rimosso a piacimento, come un semplice pezzo di Lego: “spostai la tua malattia nel mio corpo/ […] / trasferii la tua tosse nel mio polmone” (69). Nella complessità di versificare un dolore così ampio, Irma Kurti si palesa come anima sibillina, priva di opacità e remore, talmente appassionata della vita da tentare l’elaborazione del trapasso e del lutto mediante l’abbattimento della carnalità e la costruzione di una dialettica quasi infantile e giocosa, pure laddove la morte non fa sconti a nessuno.

Nell’immagine della figlia che, per dar vita al genitore è disposta a un atto sacrificale assumendosi i dolori sul suo corpo, è patente l’animo compassionevole e il forte legame d’amore che la unisce alla persona cara. “Non morire”, sembra sussurrare, “Io senza di te, non ce la farei”: atto di sfogo, pur nei toni tenui e mai indocili che contraddistinguono la sua penna dove la poetessa si riscopre ancora troppo figlia da non poter credersi donna matura. Si compie così, con un evento assai traumatico e ineludibile, il trasbordo completo da una vita di contentezza e unità familiare a un quotidiano spesso desolante e gravato dalle pillole di memoria. Si realizza uno strappo insanabile, netto; esso a livello psicologico trova forma in una grave lacerazione che ottunde. Il divario che s’instaura con l’eden spensierato, divenuto ormai immagine mitica e danzante, è al contempo componente nel percorso di sviluppo, crescita e approfondimento della coscienza. “Quando si spegne una storia” – per citare un verso della Nostra – la stanza non si riempie di un buio insondabile, piuttosto è ingravidata da un crepuscolo pesante e polveroso dove, nel torbido di una luce grigia, il ricordo dà staffetta al senso dell’esistenza. Nell’affaticamento provocato dalla dominazione di immagini ectoplasmatiche che tornano ad abitare con noi, è pur possibile trovare un segno positivo, quello di una presenza calda e costante, di una protezione continua alla quale siamo stati affidati per affrontare l’incalzante mondo di fuori.

Jesi, dicembre 2017

 


[i] Tutte le citazioni (con il relativo numero della pagina), dove non diversamente specificato, sono tratte da Irma Kurti, Senza patria, Kimerik, Messina, 2016.

[ii] I libri tradotti in inglese sono I knew the gray sky (Ho conosciuto il cielo grigio), 2014, Under my blouse (Sotto la mia maglia), 2015 e A cottage in the forest (Una casetta nel bosco), quest’ultimo un libro di poesie per bambini pubblicato nel 2016.

[iii] Irma Kurti è anche scrittrice e, nella nostra lingua, ha pubblicato i romanzi Tra le due rive (2011) e In assenza di parole (2017) e le raccolte di racconti Un autunno senza ritorno (2012) e Le notizie arrivano anche qui (2014).

[iv] Apolide da intendersi in senso di nazionalità e di identità. Così scrive: “Tu non sai cosa vuol dire essere straniero/ In un paese bello e affascinante come questo” (Sotto la mia maglia, 2013). Belli e significativi anche quest’altri versi: “Solo la pioggia venne a salutarmi./[…]/ Cambiai paesi, lingue e anche costumi,/ma non riuscii a diventare ricca mai,/ nonostante tutto, ho sempre badato/ non rimanesse affamata la mia anima./ Così ogni giorno cercavo di nutrirla” (Non è questo il mare, 2014).

[v] L’immagine della giungla ritorna in un’altra lirica che fa parte dello stesso volume dove leggiamo: “Il mio essere – una giunga complicata” (Sotto la mia maglia, 2013).

[vi] “L’indifferenza della gente mi ha colpito/forte come una sferza il corpo e l’anima,/ la delusione si è rifugiata nella ferita” (Sulla soglia di un dolore, 2016).

 

Ama la lirica: “Nonostante una parte del mio tempo è dedicato agli impegni familiari, il canto resta la mia priorità di vita”. E sogna ancora la sua amata Scutari lasciata 25 anni fa: “Rimane un mio grande desiderio cantare di nuovo al Teatro Migjeni, magari con i vecchi compagni del liceo musicale Prenke Jakova”
di  Eliza Çoba

Quella del 26 novembre è stata una bella commemorazione del 105° anniversario dell’Indimendenza. In una chiesa importante per la comunità catolica albanese in Italia, come quella di San Giovanni della Malva al centro di Roma, con la musica popolare e tradizionale albanese, iterpretata dal soprano Ana Lushi, il mezzosoprano Irida Dragoti e il tenore Refat Lleshi, accompagnati al pianoforte dal maestro Oliver Gruda.

Una serata trionfante per i nostri artisti, applauditi dal pubblico, poiché hanno saputo portare in scena, con spiccata eleganza e grande professionalità, l’animo del popolo albanese.

Dopo il concerto ho avuto la possibilità di intervistare una delle protagoniste della serata, il soprano Ana Lushi, nata a Scutari dove era molto conosciuta e apprezzata pur avendo lasciato la città da giovanissima per trasferirsi 25 anni fa a Roma.

Carissima Ana, come è stato il primo impatto con una metropoli come Roma?

Costellato da molte difficoltà, direi. Venivo da una nazione molto diversa rispetto ai paesi occidentali. L’Albania dopo la morte di Enver Hoxha e la caduta del muro di Berlino si stava aprendo al mondo, ma nella nostra generazione erano rimasti gli strascichi delle vecchie ideologie. Facevo parte di un gruppo di studenti scelti per formarsi culturalmente nelle Università Italiane. Ma, nonostante il privilegio di essere sostenuti e seguiti economicamente dai Frati Gesuiti, il vuoto lasciato dall’abbandono dei luoghi dove si è cresciuti, dagli amici, dai familiari è stato un addio straziante. Ricordo quel giorno l’auto che si allontanava dalla mia città, dal Teatro “Migjeni” , dove ho mosso i miei primi passi nel mondo del canto, dal bellissimo lago,  dal fiume dove in estate andavamo a fare il bagno,  mentre  il castello spariva dal mio sguardo e non sentivo più il suono delle voci amiche. Fu un addio dalle abitudini più care e l’avvio verso un nuovo mondo.

Come sei riuscita a colmare il vuoto e quali sono stati i  primi punti di riferimento per quanto riguarda la la tua professione?

Dopo l’arrivo a Roma, alloggiavo in  un collegio di suore Spagnole vicino a Villa Torlonia. Le ragazze che frequentavano il collegio, studentesse universitarie come me, erano molto disponibili nei miei confronti e mi aiutavano a colmare le mie carenze linguistiche iniziali. Ho intrapreso, con alcune di loro, un rapporto di sincera amicizia che mi ha aiutato a superare i momenti di nostalgia e di distacco dalla terra natia. Una di queste ragazze, studiava, come me, canto lirico. È stata lei a presentarmi il mio primo maestro in Italia, Renato Guelfi. In seguito ho studiato con altri bravissimi artisti come il grande baritono Renato Bruson e Antonio Puccio. Ho debuttato al teatro  Argentina di Roma e al teatro Giglio di Lucca con l’opera di Mozart “Il Ratto dal Serraglio” nel ruolo di Konstanze. E successivamente La Traviata, Madama Butterfly e tanti altri ruoli.

Parlami di te come artista, alla ricerca di nuove affermazioni in un mondo così difficile come quello della musica lirica. Qual è la tua fonte di ispirazione che ti spinge a continuare a sognare mete artistiche sempre maggiori? Quali sono anche le difficoltà quotidiane che una madre deve affrontare e saper conciliare con le esigenze artistiche.

Nel panorama musicale dell’opera lirica in Italia, purtroppo, pur essendoci molti artisti emergenti, si continua ad ascoltare e  sentire sempre gli stessi nomi. Effettivamente, troppo raramente si dà spazio alla qualità, ma i grandi Enti Lirici scritturano le voci su indicazione di poche grandi agenzie. La passione per il canto mi spinge a studiare nuovi ruoli, nella speranza che qualcosa cambi nel complesso mondo della lirica. Nonostante  una parte del mio tempo è dedicato agli impegni familiari, il canto resta la mia priorità di vita.

Attualmente ho avuto modo di seguirti molto spesso e sono stata colpita dalla tua bravura. Hai potuto duettare con tenori di alto livello, con pianisti affermati, sia connazionali che italiani. Come vi siete incontrati?

Si. Ho avuto ultimamente la possibilità di esibirmi con artisti  di alto spessore musicale. Ci siamo incontrati quasi per caso e l’affiatamento è stato immediato. D’altronde quando si parla lo stesso linguaggio, intento quello musicale, è più facile capirsi.

La tua bellissima famiglia ti segue dappertutto. Vorresti che le tue bimbe calcassero le tue orme, o hai altri sogni per loro?

I figli dovrebbero seguire le loro inclinazioni. Certo che le mie due figlie sono cresciute con l’opera lirica. Ricordando alcuni episodi simpatici, Elena, la figlia maggiore, all’età di un anno e mezzo cantava un terzetto tratto dall’opera “Don Giovanni” di Mozart, a tre anni cantava il concertato del Barbiere  di Siviglia e 4 anni l’ultimo atto della Madama Butterfly. Ora studia Pianoforte. Spero che possano proseguire con la musica colta che arricchisce l’animo umano. ”La musica è la lingua dello spirito. La sua segreta corrente vibra tra il cuore di colui che canta e l’anima di colui che ascolta”, per dirla con le parole del poeta e filosofo Kahlil Gibran.

Ci sono dei progetti, magari anche oltre al canto, che vorrebbe un domani affrontare e realizzare ?

Sono piena di progetti e continuo a preparare opere liriche. Inoltre sto preparando la tesi in “Storia della musica” alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’università “La Sapienza”.

Vorresti tornare nella tua Scutari e cantare lì come quando avevi 20 anni?

Molto spesso mi capita di sognare Scutari, l’infanzia felice e spensierata di quei momenti giovanili. Rimane un mio grande desiderio cantare di nuovo al Teatro Migjeni, magari con i vecchi compagni del liceo musicale Prenke Jakova.

Auguro che i tuoi sogni si possano realizzare e che tu possa essere protagonista di grandi concerti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovedì sera alle ore 21, Interregnum, il suo ultimo lavoro, verrà presentato al cinema La Compagnia

Rrëfimi dhe muzika e Iridës përcjellin trishtim, lumturi, dhimbje, ironi… Sarabanda Postcomunista është një spektakël i Hora Quartet, grupi që Irida ka ngritur bashkë me disa instrumentistë italianë xhazi të përpirë nga ato ritme të parregullta tipike të Ballkanit. Të shtunën, 30 shtator, nga ora 22:00, mund të ndiqet në Romë, në Club 55 Pigneto
Nga Amarilda Dhrami

Nina është 33 vjeç, është e ëmbël, melankolike, ironike, ndonjëhere e trishtuar. Është një vajzë plot jetë. I bie violës dhe muzika dhe tekstet e saj të shoqërojnë në vende të largëta të kujtesës së saj.

Edhe Irida Gjergji ka të njëjtën moshë, i bie violës dhe nëpërmjet Ninës arrin të shkojë në ato vende të largëta.

Irida ka lindur në Shqipërinë komuniste. Ndër kujtimet e saj të fëmijërisë ka baletet e Stravinskijt që shikonte në televizor, kaosin mbas rënies së regjimit dhe reklamat e Coca Cola-s. Nga koha e adoleshencës mban mend pasionin për violën, plumbat që fluturonin nga një anë në tjetrën dhe shoqen e saj Albanën. Vite më vonë Irida u transferua në Itali për tu diplomuar në konservatorin e qytetit të Pescara-s. Dëshironte të ndiqte ëndrrat e saj dhe të mos i nënshtrohej fatit të shkruar për çdo vajzë të mirë shqiptare të asaj kohe: martesës e realizimit të saj në familje si bashkëshorte e nënë.

Në Itali ndoqi edhe pasionin e saj për teatrin. Nina është personazhi i projektit të saj Sarabanda Postcomunista që lind si autobiografi për të trajtuar statusin e imigrantit por pa hequr dorë nga muzika dhe folklori shqiptar. Është një koncert/spektakël ku kontrabasi ndërthuret me pianon, baterinë, violën dhe zërin e Ninës. Një grup instrumentistësh italianë xhazi që janë përpirë nga ato ritme të parregullta tipike të Ballkanit e që, bashkë me Iridën, kanë formuar Hora Quartet. Kush ndodhet në Romë mund të ndjekë spektaklin të shtunën, 30 shtator, nga ora 22:00, në Club 55 Pigneto.

Irida këndon në shqip, por edhe pse teksti është në një gjuhë të panjohur për italianët, muzika e saj bën t’i ngjethet mishi kujtdo. Nuk është e nevojshme të kuptoni, mjaft të jini të lirshëm e të ndieni. Rrëfimet e saj përmbajnë trishtim, lumturi, dhimbje, ironi, ndjenja që shprehen menjëherë më pas me muzikën e saj.

“Shkrimi i kësaj pjese ka qenë katartik” rrëfen Irida. “Nuk është e thjeshtë të flasësh për vitet ’90 dhe për vitin 1997. Janë vite që të lënë shenjë. Shkruaja gjithçka që më vinte në mendje dhe më pas fshija gjërat më patetike dhe të dhimbshme për të lënë një rrëfim të lehtë dhe me nota ironie. Nuk ishte e thjeshtë të rilexosh gjithë ç’ke shkruar, veçanërisht kur frymëzohesh nga ç’ke përjetuar. Me anë të personazhit të Ninës jam përpjekur të qëndroj larg asaj çka rrëfej”.

Nina flet për problemet e ndeshura për përtëritjen e lejes së qëndrimit në Itali, për të qenit një vajzë e re shqiptare, për marrëdhënien e vështirë me të atin, për Albanën, shoqen e saj të shkollës së mesme. Një ditë një djalë që njihnin u propozoi të hipnin në makinën e tij. Albana shkoi edhe pse Irida i lutej të mos e bënte. Që nga ajo ditë Irida nuk e ka parë më. Është e vëhtirë të tregosh të tilla gjëra, ndaj Irida ia beson Ninës. Ajo nuk deshi të hipte në atë makinë. E shpëtoi viola e saj.

Shkrimi është botuar fillimisht në italisht në të përjavshmen Left me titullin La sarabanda postcomunista di Nina e le sue amiche

 

 

 

 

Fioralba: “Io stessa, pur avendo delle radici fiere e fortissime albanesi, potrei diventare per legge un’orgogliosa italiana iure culturae. Siamo un milione senza cittadinanza, l’Italia è la nostra casa, qui siamo cresciuti e qui abbiamo imparato a pensare con i valori della costituzione italiana: la democrazia, l’uguaglianza e la solidarietà. Prima o poi, i senatori si fideranno di noi, bambini e ragazzi italiani senza cittadinanza”